1. Foto
  2. La Sunnah dell’alba (fajr)

La Sunnah dell’alba (fajr)

2020/03/30
La Sunnah dell’alba (fajr)

E’ la prima Sunnah, fra le molte, che il servitore mette in atto nella sua giornata. E’ un tipo di Sunnah costante, ovvero delle orazioni che si eseguono regolarmente, in concomitanza con le preghiere canoniche, e che si compongono di dodici raka’āt.

Ha tramandato Umm Habibah (Allah sia soddisfatto di lei) di aver udito il Messaggero di Allah (Allah lo benedica e gli dia la pace) affermare:

“Chi esegue dodici raka’āt [supererogatorie] nell’arco del giorno e della notte, grazie a queste gli sarà costruita una dimora in Paradiso” .

(Muslim, 728)

In una versione di Tirmidhi si trova aggiunto: “Quattro [raka’āt] prima della preghiera del mezzogiorno e due dopo, due dopo la preghiera del tramonto, due dopo la preghiera della sera, due prima della preghiera dell’alba”

E’ meglio eseguire le preghiere supererogatorie a casa

Ha tramandato Zayd ibn Thabit (Allah sia soddisfatto di lui) che il Profeta (Allah lo benedica e gli dia la pace) ha detto:

“Pregate nelle vostre abitazioni poiché la preghiera migliore è quella eseguita a casa, eccetto le preghiere canoniche” 

(Bukhari, 7290; Muslim, 781)

Le preghiere più costanti della Sunnah

La Sunnah dell’alba è tra quelle sicuramente stabilite, come provato da quanto segue:

a) Nel hadīth tramandato da ‘A’ishah (Allah sia soddisfatto di lei), disse:

“Fra le preghiere volontarie, quella alla quale [il Profeta] era più assiduo era quella delle due raka’āt prima della preghiera dell’alba” 

(Bukhari, 1196; Muslim, 724)


b) Ha tramandato ‘A’ishah (Allah sia soddisfatto di lei) che il Profeta (Allah lo benedica e gli dia la pace) ha detto:

“Le due raka’āt dell’alba sono migliori del mondo e di quel che contiene” 

(Muslim, 725)

La Sunnah dell’alba ha varie componenti

1) E’ eseguita tanto dai residenti che dai viaggiatori, come riportato sia da Bukhari che Muslim. Invece le altre preghiere della Sunnah (mezzogiorno, tramonto e sera) non sono eseguite se ci si trova in viaggio.

2) Come spiegato nel hadīth, il merito di queste due raka’āt è che sono migliori del mondo e di quel che contiene
3) Secondo la Sunnah, si pregano in modo rapido

Ha tramandato ‘A’ishah (Allah sia soddisfatto di lei) che il Profeta (Allah lo benedica e gli dia la pace) era solito pregare le due raka’āt prima dell’alba rapidamente, al punto che si domandava se egli avesse recitato al Fātihah o meno 

(Bukhari, 1171; Muslim, 724)

A condizione tuttavia che questo modo rapido di eseguire la preghiera non ne pregiudichi gli elementi obbligatori essenziali, il che la renderebbe invalida.

4) Fa parte della Sunnah recitare nella preghiera supererogatoria dell’alba, dopo al Fātihah, nella prima rak’ah il capitolo 109 del Corano e nella seconda il capitolo 112. Oppure dopo al Fātihah, nella prima rak’ah si recita:

{Dite: “Crediamo in Allah e in quello che è stato fatto scendere su di noi e in quello che è stato fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e sulle Tribù, e in quello che è stato dato a Mosè e a Gesù e in tutto quello che è stato dato ai Profeti da parte del loro Signore, non facciamo differenza alcuna tra di loro e a Lui siamo sottomessi”} 

(Cor. 2, 136)

E nella seconda rak’ah:

{Quando poi Gesù avvertì la miscredenza in loro, disse: “Chi sono i miei ausiliari sulla via di Allah?”. “Noi, dissero gli apostoli, siamo gli ausiliari di Allah. Noi crediamo in Allah, sii testimone della nostra sottomissione} 

(Cor. 3, 52)

Ciò in base al hadīth tramandato da Ibn ‘Abbas e trasmesso da Muslim. Le diverse fonti indicano ora un metodo ora l’altro. 

5) Fa parte della Sunnah coricarsi sul fianco destro, dopo la preghiera supererogatoria dell’alba
Eccone la prova:

Ha tramandato ‘A’ishah (Allah sia soddisfatto di lei) che il Profeta (Allah lo benedica e gli dia la pace), dopo aver compiuto la preghiera dell’alba, si adagiava sul fianco destro 

(Bukhari, 1160; Muslim, 736)

Supporting Prophet Muhammad websiteIt's a beautiful day