عربي English עברית Deutsch Italiano 中文 Español Français Русский Indonesia Português Nederlands हिन्दी 日本の
conoscere Allah Il Potente l'Altissimo
  
  

   

ricordare allah in tutte le situazioni
 
 
1. l'invocazione sta alla base della sottomissione verso allah perché essa riflette in ogni momento ed in ogni stato il rapporto che c'è fra il creatore ed il suo servitore. 'a'isha (che allah sia soddisfatto di lei) ha detto: “il profeta (pbsl) invocava allah in ogni momento” (riportato da muslim).
legandosi ad allah, l'uomo ritrova la sua strada, ricorrendo a lui, viene salvato da ogni pena, avvicinandosi a lui, l'uomo guadagna e beneficia della sua soddisfazione ed allontanandosi da lui, vaga e soffre nella perdizione. 
 
 
2. l'invocazione di allah è la via di discernimento fra i credenti e gli ipocriti che non lo invocano se non raramente.
 
 
 
3. il diavolo non vince su di una persona se non quando essa si dimentica d'invocare allah, l'invocazione di allah è una forte muraglia che protegge l'uomo dalle manipolazioni di satana. satana ama che l'uomo si dimentichi d'invocare allah.  
 
 
 
4. l'invocazione è la via della felicità. allah l'altissimo dice: “coloro che credono, che rasserenano i loro cuori al ricordo di allah. in verità, i cuori si rasserenano al ricordo di allah.” (tsc - sura xxiii, versetto 28)
 
 
 
5. bisogna invocare allah incessantemente. gli abitanti del paradiso non hanno nessun rimpianto salvo passare un'ora senza invocare allah. l'invocazione continua assicura una relazione continua con allah.
an-nawawi ha detto: i sapienti sono unanimi sulla possibilità per colui che si trova in stato di impurità spirituale, o colui che ha avuto dei rapporti sessuali con sua moglie (al junub), o la donna in stato di impurità dopo il rapporto sessuale (al nofassa'), d'invocare allah dicendo: “che allah sia esaltato”, oppure “lode ad allah”, “allah è il più grande”, “non c'è altra divinità che allah” e “que le benedizioni di allah e la sua pace siano sul suo messaggero” ed anche fare dei voti, ma senza leggere il corano.
 
 
 
6. colui che invoca il suo sigonre, il suo signore lo invoca. allah l'altissimo dice: “ricordatevi dunque di me e io mi ricorderò di voi, siatemi riconoscenti e non rinnegatemi.” (tsc-sura ii, versetto 152). 
l’uomo rimane estasiato quando sente un re o un personaggio noto parlare di lui, lodandolo nel suo consiglio, cosa accadrebbe se fosse allah il sovrano supremo parlare di lui in un luogo migliore di quello in cui l’uomo invoca allah?
 
 
 
7. l'invocazione di allah non significa borbottare qualche parola mentre il cuore è distratto e non risente affatto la gloria e la grandezza di allah. nell'invocare allah nella propria lingua, l'uomo deve riflettere su di ogni parola e risentirne il senso profondo.  allah l'altissimo dice: “ricordati del tuo signore nell'animo tuo, con umiltà e reverenziale timore, a bassa voce, al mattino e alla sera e non essere tra i noncuranti.” (tsc-sura vii, versetto 205)
 
 
 
8. l'uomo che invoca allah deve essere cosciente di ciò che dice. l'invocazione della lingua sarà così legata all'invocazione del cuore perché l'uomo sia legato a suo signore nell'esteriore e nell'interiore.
 
-----------------------------------
 
 
[1]tsc= traduzione del significato del corano. questa è la traduzione del significato concordato fino adesso del versetto indicato nella sura. la lettura della traduzione del significato del corano, con qualsiasi lingua, non può sostituire mai la sua lettura in lingua araba; poiché questa è la lingua in cui è stato rivelato.



                      Previous article                       Next article




Bookmark and Share


أضف تعليق

You need the following programs: الحجم : 2.26 ميجا الحجم : 19.8 ميجا