عربي English עברית Deutsch Italiano 中文 Español Français Русский Indonesia Português Nederlands हिन्दी 日本の
conoscere Allah Il Potente l'Altissimo
  
  

   

 

Gli atti di Sunnah Verbali nella Preghiera


 

1.L’invocazione di apertura: ossia dire dopo takbirarat al ihram (il takbir di apertura):

“Subhânaka allahumma wa bihamdika wa tabâraka ismuka wa ta‘âla jadduka wa la ilâha ghayruka.”


Gloria e lode a Te, o Allah, sia benedetto il Tuo nome ed esaltata la Tua maestà, e non c’è altro dio al di fuori di Te.

[An-Nasâ’î, At-Tirmidhî, Abû Dâwûd e Ibn Mâja]

 

Esistono altre invocazioni altrettanto valide, tra cui la seguente: Allahumma bâ‘id bayni wa bayna khatâyâya kama bâ‘adta bayna al mashriqi wal maghrib, allahumma naqqini min khatâyâya kama iunaqqa az-zawb al abyad min ad-danas, allahumma aghsilni min khatâyâya biz-zalji wal mâ’i wal barad (O Allah, metti una grande distanza tra me e i miei peccati così come la distanza che hai reso tra l’oriente e l’occidente. O Allah, purificami dai miei peccati come si purifica il vestito bianco dalla sporcizia. O Allah, lava via i miei peccati con neve, acqua e grandine)”. [Al-Bukhârî e Muslim]

 

2.Chiedere rifugio prima di cominciare a recitare [una sura], dicendo: “A‘ûdhu billâhi min ash-shaytân ar-rajîm”

Mi rifugio in Allah da Satana il lapidato.



3.La basmala, ossia dire: “Bismillâhi Ar-Rahmâni Ar-Rahîm.

In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.

 

4.Dire “amin”, dopo la recitazione di Sura Al-Fâtiha (L'Aprente).

 

5.Colui che prega individualmente, reciti una sura dopo la sura Al-Fâtiha nelle prime due rak‘at (pl. di rak‘a) della preghiera del fajr (preghiera dell’alba), di jumu‘a (preghiera del venerdì), del maghrib (preghiera del tramonto), le preghiere consistenti in quattro rak‘at ed in quelle volontarie. Mentre se si esegue la preghiera in congregazione dietro un Imam, allora si reciti soltanto in quella che si svolge a voce bassa (in silenzio), e non in quella a voce alta.

 

6.Dire: “Mil’ as-samawâti wa mil’ al ardi wa ma baynahuma, wa mil’ ma shi’ta min shay’în ba‘da, ahl az-zanâ’i wal majdi, ahaqqa ma qâla al ‘abda, wa kulluna laka ‘abd, allahumma la mâni‘ lima a‘tayta wa la mu‘ti lima mana‘ta wa la ianfa‘ dhal jadd minka al jadd”


Che riempia i cieli, che si riempia la terra e qualunque cosa Tu voglia, O Allah! Tu sei quello che più merita lode e glorificazione, (questa) è la cosa più sana che un servo possa dire, e noi siamo tutti Tuoi servi. Nessuno può negare ciò che Tu dai e nessuno può dare ciò che Tu trattieni, e nessuna ricchezza o maestà può avvantaggiare qualcuno, poiché Tua è la ricchezza e la maestà. [Muslim] , dopo che ci si alza dal rukû‘, e aggiungere:

“Rabbana wa lakal hamd”

O Signore, a Te appartiene la lode.

 

7.Dire più di una volta il tasbih del rukû‘ (inchinarsi in avanti) e del sujûd (prostrazione).

 

8. Tra le due prostrazioni dire più di una volta “Rabbi ighfirli”

O Signore mio, perdonami.

 

9.L’invocazione dopo l’ultimo tashahhud: “Allahuma inni a‘ûdhu bika min ‘adhâb jahannam wa min ‘adhâbal qabri wa min fitnatal mahyâ wal mamâti wa min fitnatal masîh ad-dajjâl”

O Allah, mi rifugio in Te dalla punizione dell’inferno e da quella della tomba, dalle prove della vita e della morte e dalla prova del Dajjal [Anticristo]. [Al-Bukhârî e Muslim]

 

Si raccomanda che il musulmano non si limiti al tasbih nel sujûd, bensì che aggiunga quante invocazione di sua scelta desideri. Ne è prova il seguente hadith (detto profetico): “Il servo è più vicino al suo Signore quando è prostrato, così fate tanti du‘aa (suppliche)”. [Muslim]

 

Esistono altre suppliche da recitare. Per ulteriori informazioni, si può consultare il libro “Hisnul Muslim (La fortezza del musulmano)” di Al Qahqtani.

 

Tutti gli atti verbali di sunnah si eseguono in ogni rak‘a, salvo la supplica di apertura e quella dopo il tashahhud.

 

Se si applicano tutti gli atti verbali di sunnah nella preghiera obbligatoria, che è composta da 17 rak‘at quotidiane, il totale complessivo sarà di 136 atti di sunnah, se si tiene presente che ci sono otto atti verbali di sunnah che si ripetono in ogni rak‘a.

 

Inoltre nella preghiera volontaria, che è composta da 25 rak‘at, secondo ciò di cui si è già discusso a riguardo delle preghiere volontarie che si eseguono durante il giorno e la notte, il totale complessivo di atti di sunnah sarà di 175 atti di sunnah, che possono aumentare nel qyam (preghiera volontaria notturna) e nel duha (preghiera volontaria che si esegue a metà mattina).

 

Gli atti verbali di sunnah che si ripetono nella preghiera una volta sola, sono:

 

1.L’invocazione di apertura.

 

2.L’invocazione  di apertura dopo il tashahhud.

 

per tanto, il totale degli atti di sunnah nella preghiera obbligatoria, è di 10.

 

D’altra parte, nelle preghiere volontarie che si effettuano durante il giorno e la notte e si ripetono in esse questi due atti di sunnah, il totale è di [24] atti di sunnah, che può aumentare nella preghiera volontaria del qyam, il duha o il saluto alla moschea; e per tanto, si aumenta l’applicazione degli atti di sunnah che si ripetono nella preghiera una volta sola, ricevendo così più ricompensa e aggrappoandosi alla sunnah del Profeta di Allah ( la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui).



 

 




                      Previous article                       Next article




Bookmark and Share


أضف تعليق

You need the following programs: الحجم : 2.26 ميجا الحجم : 19.8 ميجا