La Dede in Dio (parte 3 di 3)

 

(III) A Dio solo spetta l’Adorazione



L'Islam pone l'accento su come venerare Dio conducendo una vita giusta ed essendo obbediente e vivendo secondo la buona creanza, piuttosto che dimostrare la Sua esistenza attraverso complessità teologiche. Quindi, il motto islamico è che il messaggio principale predicato dai profeti era la resa alla volontà di Dio e al Suo culto e piuttosto che la prova dell'esistenza di Dio:

 

“Non inviammo prima di te nessun Messaggero senza rivelargli: Non c'è altro dio che Me. AdorateMi.” (Corano, interpretazione del significato, Sura XXI, Al-Anbiyâ', I Profeti, v. 25)

 

Dio ha il diritto esclusivo di essere adorato interiormente ed esteriormente, con il cuore e le membra. Nessuno ha il diritto di essere adorato tranne Lui, assolutamente nessun altro può essere adorato accanto a Lui. Non ha soci o associati nel culto. Il Culto, nel suo senso globale e in tutti i suoi aspetti, è solo per Lui.

 

“Il vostro Dio è il Dio Unico, non c'è altro dio che Lui, il Compassionevole, il Misericordioso.” (Corano, interpretazione del significato, Sura II, Al-Baqara, La Giovenca, v.163)

 

Il diritto di Dio di essere adorato, non può non essere troppo enfatizzato. Esso rappresenta il significato essenziale della testimonianza di fede dell'Islam: La ilah illa Allah. Un individuo diventa musulmano testimoniando il diritto divino di culto. È il punto cruciale della fede islamica in Dio, e anche di tutto l'Islam. È stato il messaggio centrale di tutti i profeti e messaggeri inviati da Dio, il messaggio di Abramo, Isacco, Ismaele, Mosè, i profeti ebraici, Gesù e Muhammad, che la misericordia e le benedizioni di Dio siano su di essi. Per esempio, Mosè (pace su di lui) ha dichiarato:

“Ascolta, Israele: Il Signore, il nostro Dio, è l'unico Signore. (Deuteronomio 6:4).”

 

Gesù (pace su di lui) ripetè lo stesso messaggio 1500 anni dopo,  quando disse:

 

“Il primo di tutti i comandamenti è: ‘Ascolta, Israele: Il Signore, nostro Dio, è l'unico Signore.’” (Marco 12:29)

 

E ricordò Satana:

 

“Vattene, Satana, poiché sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a Lui solo rendi il culto.” (Matteo 4:10)

 

Infine, la chiamata di Muhammad circa 600 anni dopo Gesù riverberata sulle colline della Mecca:

 

“Il vostro Dio è il Dio Unico, non c'è altro dio che Lui …” (Corano, interpretazione del significato, Sura II, Al-Baqara, La Giovenca, v.163)

 

Tutti dichiararono chiaramente:

 

“…Adorate Dio! Per voi non c'è altro dio che Lui…” (Corano 7:59, 7:65, 7:73, 7:85; 11:50, 11:61, 11:84; 23:23)


Che cosa è il culto?

 

Il culto nell'Islam è costituito da ogni atto, credenza, dichiarazione, o sentimento del cuore che Dio approva e ama, tutto ciò che avvicina una persona  al suo Creatore. Esso include forme di culto esteriori come le preghiere rituali quotidiane, il digiuno, la carità e il pellegrinaggio così come il culto interiore come la fede nei sei articoli di fede, la devozione, l’adorazione, l’amore, la gratitudine e la fiducia. Dio ha il diritto di culto del corpo, dell’anima e del cuore, il culto è incompleto, se non è eseguito su quattro elementi essenziali: il timore reverenziale di Dio, amore divino e l'adorazione, la speranza nella ricompensa divina, e l’estrema umiltà.




Uno dei più grandi atti di culto è la preghiera, invocando l’aiuto dall'Essere Divino. L’Islam specifica che la preghiera deve essere rivolta solo a Dio. Egli ha il controllo totale sul destino di ogni uomo ed è in grado di garantirne i bisogni e di rimuovere le sue difficoltà. Dio, nell’Islam, si riserva il diritto di preghiera per se stesso:

 

“E non invocare, all'infuori di Dio, chi non ti reca né beneficio, né danno. Se lo facessi, saresti uno degli ingiusti!” (Corano, interpretazione del significato, Sura X, Yûnus, Giona, v.106)

 

Offrire a chiunque altro, profeti, angeli, Gesù, Maria, idoli, o alla natura, una parte del proprio culto, che è essenzialmente dovuto solo a Dio, come la preghiera, è definito Shirk ed è il più grande dei peccati nell'Islam. Shirk è l'unico peccato imperdonabile, se l’individuo non si pente sinceramente, in quanto nega lo scopo stesso della creazione.

 

(IV) Dio è conosciuto attraverso i Suoi Nomi più belli e Attributi

In Islam si può conoscere Dio grazie allo studio dei Suoi Nomi ed Attributi, come appaiono in rivelati testi islamici, senza la corruzione o la negazione dei loro significati evidenti, immaginandoli in termini umani.

 

“Ad Allah appartengono i nomi più belli: invocateLo con quelli…” (Corano, interpretazione del significato, Sura VII, Al-A'râf, v.180)

 

Pertanto, è inopportuno utilizzare nomi per Dio quali Artefice, Autore, Sostanza, Ego Puro, Assoluto, Idea Pura, Concetto Logico, Sconosciuto, Inconscio, Ego, Idea, Grande Uomo. Essi semplicemente non posseggono la bellezza e non è così che Dio si è descritto. Invece, i Nomi di Dio indicano la Sua maestosa bellezza e perfezione. Dio non dimentica, dorme, o si stanca. Non è ingiusto, e non ha figli, madre, padre, fratello, socio, o aiutanti. Egli non è nato, e non genera. Egli è Autosufficiente poiché è perfetto. Egli non diventa umano per "capire" le nostre sofferenze. Dio è il Forte (al-Qawiy), l'Unico (al-'Ahad), Colui Che riceve il Pentimento (al-Tawwaab), il Misericordioso (al-Rahim), il Vivente (al-Hayy), Colui Che sussiste per Se Stesso e per il Quale tutto sussiste (al-Qayyum), Il Sapiente (al-'Alim), Colui Che tutto ascolta, (al-Sami'), Colui Che tutto osserva (al-Basir),  Colui Che tutto cancella (al-'Afuw), Colui Che aiuta (al-Nasir ), il Guaritore degli infermi (al-Shaafi).

 

I due Nomi più frequentemente chiamati sono: "Il Compassionevole" e "Il Misericordioso." Tutti, tranne uno dei capitoli del Corano inizia con la frase "Nel nome di Dio, il Misericordioso, il Compassionevole." La frase viene usata, si potrebbe dire, da parte dei musulmani più spesso rispetto ai nomi  Padre, Figlio e Spirito Santo nelle invocazioni Cristiane. I Musulmani iniziano nel nome di Dio e ricordano la Compassione e Misericordia di Dio ogni volta che mangiano, bevono, scrivono una lettera, o eseguiscono qualcosa di importante.



Il perdono è una dimensione importante per il rapporto umano con Dio. Gli esseri umani sono realizzati per essere debole e incline al peccato, ma Dio nella Sua misericordia è disposto a perdonare. Il Profeta Muhammad (che la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) ha detto:

 

“La Misericordia di Dio supera la Sua era.” (Sahih Al-Bukhari)

Oltre ai nomi divini "Il Compassionevole" e "Il Misericordioso", i nomi "Il Perdonatore" (al-Ghafur), "Colui Che tutto assolve" (al-Ghaffar), "Colui Che accetta il  pentimento" (at-Tawwaab) e "Colui Che tutto cancella" (al-’Afuw) sono tra i più utilizzati nelle preghiere musulmane.

-------------------------------------------------------
In verità mandammo Noè al suo popolo. Disse: “O popol mio, adorate Allah! Per voi non c'è altro dio che Lui. Temo, per voi, il castigo di un Giorno terribile”. (Interpretazione del significato del Corano, Sura VII, Al-A'râf, v.59)

 

E agli ‘Âd [inviammo] il loro fratello Hûd: “O popol mio, disse, adorate Allah. Per voi non c'è altro dio che Lui. Non Lo temerete?”. (Interpretazione del significato del Corano, Sura VII, Al-A'râf, v.65)

E ai Thamûd [inviammo] il loro fratello Sâlih. [Disse]: “O popol mio, adorate Allah. Per voi non c'è altro dio all'infuori di Lui. Ecco che vi è giunta una prova da parte del vostro Signore: ecco la cammella di Allah, un segno per voi. Lasciatela pascolare sulla terra di Allah e non le fate alcun male: scontereste un doloroso castigo. (Interpretazione del significato del Corano, Sura VII, Al-A'râf, v.73)

Agli abitanti di Madyan [inviammo] il loro fratello Shuayb!* Disse: “O popol mio, adorate Allah. Per voi non c'è altro dio che Lui. Vi è giunta una prova da parte del vostro Signore. Riempite la misura e date il giusto peso e non danneggiate gli uomini nei loro beni. Non corrompete la terra dopo che Allah la creò pura: ciò è meglio per voi, se siete credenti.  (Interpretazione del significato del Corano, Sura VII, Al-A'râf, v.85)

 

Previous article Next article