Prove tratte dal Vangelo

Ci sono numerosi brani nel Vangelo che comportano prove che indicano esplicitamente l'avvento della profezia e la missione di Muhammad e riferiscono alcune delle sue azioni.

 

(Giovanni 1: 20-25): "Egli confessò e non negò, e confessò: "Io non sono il Cristo". Allora gli chiesero: "Che cosa dunque? Sei Elia?". Rispose: "Non lo sono". "Sei tu il profeta?". Rispose: "No". Gli dissero dunque: "Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?" Rispose: "Io sono voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, come disse il profeta Isaia". Essi erano stati mandati da parte dei farisei.Lo interrogarono e gli dissero: "Perché dunque battezzi se tu non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?"

 

Il Profeta che in questo testo è indicato non è Gesù, ma Muhammad, perchè Giovanni predicava e battezzava durante la vita di Gesù e nello stesso tempo, annunciava l'avvento di questo Profeta.

In (Giovanni 14: 16) troviamo scritto: "Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre."

 

La parola "consolatore" nel Vangelo è Paraclito, oppure Paraclete o Periqlytos o Paracalon. Detta parola designa Ahmed. Il nome Ahmed è riferito dal Corano ed è un nome del Profeta Muhammad, come è menzionato nella sura 61:6 "E quando Gesù figlio di Maria disse: “O Figli di Israele, io sono veramente un Messaggero di Allah a voi [inviato], per confermare la Torâh che mi ha preceduto, e per annunciarvi un Messaggero che verrà dopo di me, il cui nome sarà Ahmad.”"

 

Nel Vangelo di Barnabeo: (112: 8-16) è riferito che Gesù -pace su di lui- disse: "perchè Allah mi innalzerà dalla terra e trasformerà la figura del traditore affinchè ognuno lo prenda per me; eppure dopo che morrà di morte violenta, io persisterò in quella vergogna per molto tempo finquando non sarà arrivato Muhammad Messaggero di Allah; allora tale marchio sparirà." [1].

 

Nello stesso Vangelo di Barnabeo, capitolo 39, è scritto: "Quando Adamo si mise in piedi, vide nell'aria una scritta che si illuminava come il sole il cui testo era: "Non vi è altro Dio che Allah, Muhammad è il Messaggero di Allah"; il primo uomo baciò con pietà paterna queste parole, si asciugò gli occhi e disse: benedetto sia il giorno in cui verrai al mondo." [2]. 

 



[1] Da: "Dissero sull'islam" del  dottor  Imed Eddine Khalil;  p. 93

[2] Da "Ho guadagnato Muhammad e non ho perduto Gesù" del dottor Abd  Al-Muuti  Addalati  

Previous article Next article