Il Terzo Pilastro dell’Islam: La Carità obbligatoria

Il terzo pilastro dell’Islam: La carità obbligatoria


In Islam donare in beneficenza non è solo raccomandato, ma è prescritto ad ogni Musulmano finanziariamente stabile. Offrire la carità rappresenta uno dei cinque pilastri della pratica islamica.

Esiste la beneficenza facoltativa o sadaqa e quella obbligatoria chiamata zakat.

Quest’ultima è un obbligo per coloro che hanno ricevuto ricchezza da Dio per soccorrere quei membri della comunità in difficoltà finanziarie. Privi di sentimenti di amore universale, alcune persone si interessano solo al proprio benessere e a come accumulare ed aumentare la propria ricchezza, tramite prestiti con interessi. Gli insegnamenti dell'Islam sono l'antitesi di questo atteggiamento. L'Islam incoraggia alla condivisione della ricchezza con gli altri e aiuta le persone a stare in piedi da soli e a diventare membri produttivi della società.


In arabo la parola zakat, letteralmente significa "purificazione", perché zakat è la beneficenza per purificare il cuore dall'avidità. L'amore verso la ricchezza è istintivo, ed è essenziale per una persona nutrire fede in Dio in modo da poter donare una parte della propria ricchezza ad un'altra persona. La zakat deve essere pagata su diverse categorie di beni: oro, argento, denaro, bestiame, prodotti agricoli e beni aziendali inclusi, e deve essere corrisposta per la detenzione di un anno. Si richiede un contributo annuo del 2,5 % della ricchezza di un individuo.


Come la preghiera, che è sia una responsabilità individuale che comunitaria, la zakat è una forma di culto con cui il Musulmano, sostenendo i bisognosi, ringrazia Dio. Ciò in quanto in Islam, il vero proprietario delle cose non è l'uomo, ma Dio. L'accumulazione di beni fine a se stessa, oppure per godere di una buona reputazione, è disapprovata. Una mera accumulazione di ricchezza non conta niente agli occhi di Dio. Non dà all'uomo alcun merito in questa vita o nell'aldilà. L'Islam insegna che la gente dovrebbe acquisire beni con l'intenzione di spenderli per i propri bisogni e le necessità degli altri.


Abdullah ibn al-Shakhir ha raccontato: “Entrai dal Profeta mentre stava recitando “Alhakum al-takathur” (“La lotta per aumentare le ricchezze vi distrarrà” , sura 102, v.1). Egli disse: “Il figlio di Adamo dirà: “Il mio denaro! Il mio denaro!” ma, o figlio di Adamo cosa ottieni dal tuo denaro? Quello che hai mangiato, diventa un rifiuto, quello che hai speso per abbigliarti, si è consumato, e quello che hai donato in beneficenza? Quest’ultimo lo hai ben utlizzato (per ottenere delle recompense nell’Aldilà).” (Riferito da Sahih Muslim)

In questo hadith il Profeta ci ha rammentato che in realtà, tutto il nostro denaro è utlizzato in tre soli modi. Per primo il cibo di cui ci cibiamo, e questo viene trasformato in rifiuto. In secondo luogo gli abiti che indossiamo, che alla fine si consumano. In terzo luogo, il denaro che è stato devolto nella causa di Allah ed è l’unico denaro dal quale avremo dei benefici. Dunque quale è il senso di autocompiacersi della propria ricchezza, vantarsene, desiderarla, quando in realtà così poco si spende in beneficenza per poterne avere un beneficio eterno?


L'intero concetto di ricchezza è considerato nell'Islam come un dono di Dio. Dio, che ha fornito la ricchezza ad una persona, ha stabilito che venga adoperata saggiamente e che venga condivisa con i poveri, perciò i poveri ne hanno diritto. La zakat ricorda ai Musulmani che tutto quello che hanno appartiene a Dio. La ricchezza che si arriva a possedere, è come un patto di fiducia con Dio. Inoltre la zakat libera i Musulmani dall'amore per il denaro. Il denaro pagato in zakat non è qualcosa di cui Dio ha bisogno o riceve. Egli è al di sopra di qualsiasi tipo di dipendenza. Dio, nella Sua infinita misericordia, promette di ricompensare coloro che aiutano i bisognosi, con una condizione di base, che la zakat venga data in nome di Dio, non ci si dovrebbe aspettare o richiedere nessun profitto mondano da parte dei beneficiari, né avere lo scopo di farsi una reputazione di benefattore. I sentimenti di un beneficiario non devono essere offesi facendolo sentire inferiore o ricordandogli l'assistenza.


Il denaro, offerto come zakat, può essere utilizzato solo per alcune cose specifiche. La legge islamica prevede che l'elemosine vengano utilizzate per sostenere i poveri e i bisognosi, per liberare gli schiavi e i debitori, come espressamente menzionato nel Corano (9:60). La zakat fu istituita 1400 anni fa, come una funziona di forma di assistenza sociale nella società musulmana.


Né le scritture ebraiche né quelle cristiane lodano la manomissione di schiavi elevandola ad atto di culto. In effetti, l'Islam è l'unica religione al mondo la quale richiede ai fedeli di aiutare finanziariamente gli schiavi, riscattando la loro libertà e ha elevato la manomissione di uno schiavo ad un atto di culto, se è fatto per piacere di Dio.


Durante i califfati, la raccolta e le spese della zakat erano organizzati dello stato. Nel mondo musulmano contemporaneo, la raccolta è stata lasciata al singolo, tranne in alcuni paesi in cui lo stato soddisfa tale ruolo in una certa misura. La maggior parte dei Musulmani in Occidente distribuiscono zakat attraverso enti di beneficenza islamici, moschee, o direttamente dando ai poveri. Il denaro non viene raccolto durante le funzioni religiose o raccolte, ma alcune moschee hanno una casella di riepilogo per chi desidera distribuire zakat per conto proprio. A differenza della zakat, donare altre forme di carità in privato, anche in segreto, è considerato migliore, al fine di mantenere la propria intenzione esclusivamente per Dio.


Oltre alla zakat, il Corano e anche gli ahadith (i detti e le azioni del Profeta Muhammad, possa la misericordia e la benedizione di Dio essere su di lui) mettono in evidenza la sadaqah, o l'elemosina volontaria, che è destinata ai bisognosi. Il Corano sottolinea il nutrire degli affamati, il rivestire gli ignudi, l’aiutare dei bisognosi, e più li si aiuta, più Dio aiuta il fedele, e più si dona, più Dio dona al fedele. Prendendosi cura degli altri, Dio si prenderà cura di lui.


Previous article Next article