Cos’è l’Islam? (parte 4 di 4): L’adorazione nell’Islam

 

Cos’è l’Islam? (parte 4 di 4): L’adorazione nell’Islam

 

Esistono cinque regole semplici ma essenziali che tutti i musulmani praticanti accettano e seguono. Questi "pilastri dell'islam" rappresentano il nucleo centrale che unisce tutti i musulmani.

 

1)     La ‘dichiarizione di fede’

 

Un musulmano è colui che testimonia che "nessuno merita il culto, oltre Allah, e Muhammad è il messaggero di Allah." Questa dichiarazione è conosciuta come la "shahadah" (o la testimonianza di fede). Allah è il nome arabo di Dio, proprio come Yahweh è il nome ebraico di Dio. Facendo questo semplice annuncio si diventa musulmano. L'annuncio afferma la credenza assoluta nell'unicità di Dio nell'Islam, il Suo diritto esclusivo di essere adorato, così come la dottrina, associando qualsiasi altra cosa a Dio è l'unico peccato imperdonabile come leggiamo nel Corano:

 

"In verità Allah non perdona che Gli si associ alcunché; ma, all'infuori di ciò, perdona chi vuole. Ma chi attribuisce consimili ad Allah, commette un peccato immenso." (Traduzione del significato del Corano, Sura IV, An-Nisâ', Le Donne, v.48)

 

La seconda parte della testimonianza di fede afferma che Muhammad, che la misericordia e la benedizione di Dio siano su di lui, è un profeta di Dio, come Abramo, Mosè e Gesù (su di loro la pace) prima di lui. Muhammad ha portato l'ultima e definitiva rivelazione. Nell'accettare Muhammad come il "sigillo dei profeti", i musulmani credono che la sua profezia conferma e completa tutti i messaggi rivelati, a cominciare da Adamo. Inoltre, Muhammad serve come modello di ruolo attraverso la sua vita esemplare. Lo sforzo del credente di seguire l'esempio di Muhammad, riflette l'importanza della pratica e dell'azione nell'Islam.

 

2)     La preghiera (Salah)

 

I musulmani pregano cinque volte al giorno: all'alba, a mezzogiorno, a metà pomeriggio, al tramonto, e la sera. Aiuta i credenti a ricordarsi di Dio durante lo stress del lavoro e della famiglia. Resetta il fuoco spirituale, ribadisce la totale dipendenza da Dio, e aiuta a lasciare le faccende del mondo nella prospettiva del giudizio finale e nell'aldilà. Le preghiere costituiscono nel stare in piedi, nell'inchinarsi, nell'inginocchiarsi, nel mettere la fronte a terra, e nel sedersi. La preghiera è un mezzo in cui viene mantenuto un rapporto tra Dio e la Sua creazione. Esso comprende recitazioni del Corano, lodi di Dio, la preghiera di perdono e di altre varie suppliche. La preghiera è l'espressione di sottomissione, di umiltà, e l'adorazione di Dio. Le preghiere possono essere eseguite in qualsiasi luogo pulito, da soli o in congregazione, in una moschea o in casa, al lavoro o sulle strade, all'interno o all’aria aperta. È preferibile pregare in congregazione come uno corpo unito che adora Dio, dimostrando disciplina, fratellanza, uguaglianza e solidarietà. Durante la preghiera, i musulmani dirigono il corpo verso la direzione di La Mecca, la città santa dov’è la Kaaba, la casa di Dio, costruita da Abramo e suo figlio Ismaele (su di loro la pace).

 

3)     La carità obbligatoria (Zakah)

 

Nell'Islam, il vero proprietario di ogni cosa è Dio, non l'uomo. La ricchezza è stata affidata all’uomo da parte di Dio. La Zakah è adorazione e un ringraziamento a Dio attraverso il sostegno dei poveri, e attraverso di essa la propria ricchezza viene purificata. Richiede un contributo annuo del 2,5 % della personale propietà e dei propi beni. Pertanto, zakah non è semplicemente "carità", è un obbligo per coloro che hanno ricevuto da Dio la loro ricchezza per soddisfare le esigenze dei membri meno fortunati della comunità. Zakah viene utilizzata per sostenere i poveri e i bisognosi, per aiutare chi ha debiti e in tempi antichi per la liberazione degli schiavi.

 

4)     Il digiuno del Ramadan (Sawm)

 

Ramadan è il nono mese del calendario lunare islamico, che viene obbligatoriamente speso in digiuno. Tutti i musulmani adulti e sani, si astengono dall'alba al tramonto da cibo, bevande, e attività sessuale. Il digiuno sviluppa la spiritualità, la dipendenza da Dio, e l'identificazione con i meno fortunati. Una preghiera speciale serale si svolge nelle moschee. Tale preghiera è detta tarawiih, deriva da una parla araba che significa riposare e rilassare. La preghiera serale può essere molto lunga ed in essa si legge il Corano.  Le famiglie si svegliano prima dell'alba per prendere il loro primo pasto della giornata (detto suhur) che li sostenerà fino al pasto del tramonto (iftar). Il mese di Ramadan si conclude con una delle due grandi celebrazioni islamiche, la festa della rottura del digiuno, chiamata Eid al-Fitr, che è caratterizzato da gioia e da visite tra i familiari.

 

5)     Il quinto pilastro è il pellegrinaggio o hajj alla Mecca

 

Almeno una volta nella vita ogni musulmano adulto, che sia fisicamente e finanziariamente in grado di farlo, è tenuto a sacrificare tempo, ricchezza, posizione e il comfort quotidiano per eseguire il pellegrinaggio rituale (Hajj), mettendosi totalmente al servizio di Dio. Ogni anno oltre due milioni di fedeli di diverse culture provengono da tutto il mondo per dirigersi verso la città sacra di La Mecca [1] per rispondere alla chiamata di Dio.

 

Chi sono i musulmani?

 

La parola araba   مسلم "muslim" significa letteralmente "qualcuno che è in uno stato di Islam (sottomissione alla volontà e alla legge di Dio)". Il messaggio dell'Islam è destinato al mondo intero, e chi accetta questo messaggio diventa un musulmano. Esisteno oltre un miliardo di musulmani in tutto il mondo. I musulmani rappresentano la maggioranza della popolazione in cinquantasei paesi. Molte persone sono sorprese di sapere che la maggioranza dei musulmani non sono arabi. Anche se la maggior parte degli arabi sono musulmani, ci sono arabi che sono cristiani, ebrei e atei. Solo il 20 % di 1,2 miliardi di musulmani nel mondo provengono da paesi arabi. Ci sono significative popolazioni musulmane in India, Cina, le repubbliche dell'Asia centrale, Russia, Europa e America. Se si da uno sguardo ai vari popoli che vivono nel mondo musulmano dalla Nigeria alla Bosnia e dal Marocco all'Indonesia, si potrà osservare che i musulmani provengono da diverse razze, etnie, culture e nazionalità. L'Islam è sempre stato un messaggio universale per tutte le persone. L'Islam è la seconda religione più diffusa al mondo e sarà presto la seconda religione più diffusa in America. Eppure, pochi sanno cos'è l'Islam.

 

 

Nota:

[1] La citta di La Mecca si trova in Arabia Saudita.


Previous article Next article